Widget Image
Post Popolari
Seguici anche su:

HomeHotel & AlberghiAnce: l’80% dei comuni non è in grado di attuare il Pnrr – Milano Finanza

Ance: l’80% dei comuni non è in grado di attuare il Pnrr – Milano Finanza

I fautori della cosiddetta inflazione transitoria hanno subito un’altra batosta mercoledì 11, poiché il previsto calo del tasso di aumento dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) di aprile negli Stati Uniti si è rivelato deludente. Se questo significa che abbiamo raggiunto il cosiddetto picco, siamo semplicemente scesi dal Monte Everest al K2. Il ritmo dell’inflazione è rallentato dello 0,3% nel mese, ma la maggior parte è dovuta a un calo del 6,1% dei prezzi della benzina. Questo dato è già superato, dato che i prezzi del gas sono rimbalzati fino a raggiungere un nuovo record questa settimana. L’IPC è aumentato dell’8,3% negli ultimi 12 mesi, in leggero calo rispetto all’8,5% di marzo. Ma il tasso di inflazione negli ultimi tre mesi è del 9,9%. Se l’inflazione stia realmente  rallentando, è difficile da rilevare. La notizia più importante è che il tasso di inflazione cosiddetto core, senza cibo ed energia, è aumentato dello 0,6% in aprile, più velocemente che in marzo e febbraio. Nell’ultimo anno è salito del 6,2%. I consumatori non mangiano o guidano in base ai prezzi core, in ogni caso, e i prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 9,4% nell’ultimo anno. Da notare anche l’accelerazione dei prezzi dei servizi. I servizi non energetici sono aumentati dello 0,7% nel mese, grazie a un aumento particolarmente consistente del 3,1% da parte dei trasporti. Le tariffe aeree sono aumentate del 18,6% in aprile, il più grande aumento mensile  dell’indice da quando il Dipartimento del Lavoro ha iniziato a monitorarlo nel 1963. L’alloggio fuori casa, compresi hotel e motel, è aumentato del 2% nel mese ed è cresciuto del 22,6% in un anno. Quest’estate le vacanze in famiglia saranno molto più costose. Portatevi una tenda. Ricordiamo che i fautori della transitorietà hanno detto che l’inflazione dei beni era causata da problemi di catena di approvvigionamento legati alla pandemia e che si sarebbe attenuata nel tempo. L’aumento dell’inflazione nei servizi dimostra che il fenomeno si è diffuso nella maggior parte dell’economia e si sta radicando nei prezzi e nelle aspettative delle imprese. Ciò rende più difficile per la Federal Reserve ridurre l’inflazione senza una politica monetaria ancora più restrittiva. La buona notizia, per quanto limitata, è che la retribuzione oraria media reale per tutti i lavoratori è scesa in aprile solo dello 0,1% . Ma i salari orari reali sono comunque scesi per sette mesi consecutivi e sono diminuiti del 2,6% nell’ultimo anno. La retribuzione media settimanale è scesa ancora di più (-3,4%), a causa del calo della settimana lavorativa media. Insomma, gli aumenti dei salari nominali stanno svanendo a causa dell’inflazione. Il cattivo report sull’inflazione ha trasformato quello che sembrava un rally delle azioni mercoledì 11 in un’altra giornata di ribasso. Gli investitori stanno probabilmente convincendosi che con un picco di inflazione più duraturo del previsto, la Fed potrebbe essere costretta ad alzare i tassi di interesse anche più di quanto stimato. Ciò aumenta le probabilità di recessione, a meno che la Fed non perda il suo coraggio antinflazionistico. Tutto ciò smaschera la fantasia secondo cui il mix di politiche del trio  Biden-Pelosi-Schumer, fatto di spese a pioggia e denaro facile, sia positivo per i lavoratori americani. La moderna teoria monetaria, unita ai nuovi diritti acquisiti, avrebbe dovuto produrre una crescita e una sicurezza record. Invece hanno prodotto la più alta inflazione degli ultimi 40 anni e un peggioramento del tenore di vita. Va aggiunto che anche le spese eccessive di Donald Trump alla fine del 2020 non hanno aiutato. Gli americani hanno imparato questa lezione nel modo più duro negli anni ’70 e una nuova generazione sta per impararla di nuovo. I ricchi se la caveranno, ma il conto lo paga la classe media.
MF+MIFI + The Wall Street Journal Link all’articolo Originale tutti i diritti appartengono alla fonte. Disclaimer

Rate This Article:
No comments

leave a comment